Palmaro: “Il Vaticano II va riletto alla luce della Tradizione”

“Il dissidio interpretativo sul Vaticano II è conseguenza principalmente del suo linguaggio non definitorio”: ad affermarlo, è Mario Palmaro, co-autore con Alessandro Gnocchi del libro La bella addormentata, dedicato proprio a questo Concilio. In quest’intervista realizzata da Mauro Faverzani, Palmaro evidenzia come “l’ipertrofizzazione della pastoralità abbia reso assoluto ciò che è relativo”. Il Vaticano II, afferma ancora, è “un fatto superato dalla Storia”, il dibattito su di esso “è fuori tempo massimo”, ma al contempo il Concilio si presenta come “insormontabile”: è possibile però rileggerlo “alla luce della Tradizione”. (17/10/2012)

I commenti sono chiusi.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: