Andare oltre il Vaticano II

Abbiamo tradotto un’interessante e condivisibile analisi sul Vaticano II del giornalista americano Eric Sammons.

di Eric Sammons (03-05-2021)

Come risolvere un problema come il Vaticano II?

Anche se forse non è così orecchiabile come il classico brano Sound of Music, ma questa domanda è molto più complessa del tentativo di sposare la futura baronessa von Trapp. I cattolici hanno discusso sul Concilio ancora prima che terminasse nel 1965.

Anche se aveva lo scopo di introdurre la Chiesa nel mondo moderno, non c’è dubbio che il Vaticano II – e come interpretarlo correttamente – sia il problema più controverso nella Chiesa di oggi. E l’acceso dibattito non mostra segni di cedimento. Forse, però, è ora di andare oltre il Concilio.

Per i cattolici liberali, il Vaticano II rappresentava la libertà; in particolare, libertà dal passato. Invece di essere vincolata ai dogmi e alle pratiche delle generazioni precedenti, il Vaticano II ha dato alla Chiesa l’opportunità di rompere quelle “catene” e costruire una nuova “Chiesa” per un tempo nuovo.

Partendo dal rifiuto dell’insegnamento della Chiesa sull’immoralità della contraccezione arrivando fino a sostenere l’ordinazione sacerdotale delle donne, i cattolici di stampo liberale divennero essenzialmente protestanti, plasmando tutte le proprie convinzioni – benché in diretta contraddizione con i precedenti insegnamenti della Chiesa –, ovviamente, nello “spirito del Vaticano II”.

In risposta a quest’aberrazione post-conciliare, molti cattolici conservatori hanno reagito abbracciando quella che papa Benedetto XVI ha definito “l’ermeneutica della continuità”. Con ciò il Papa intendeva che il Vaticano II dovrebbe essere interpretato in modo coerente con i precedenti 1.960 anni di tradizione cattolica (“ermeneutica” è una raffinata parola che significa “metodo di interpretazione”). In altre parole, non leggere la Tradizione alla luce del Concilio, ma leggere il Concilio alla luce della Tradizione.

Questo è un solido consiglio cattolico. I concili ecumenici non sono nuove rivelazioni del Cielo che sostituiscono quelle precedenti. Essi sono una parte organica della vita in corso della Chiesa e quindi dovrebbero essere trattati come parte di un tutto più ampio, non come una rottura verso una nuova direzione.

Sfortunatamente, quel principio cattolico perfettamente accettabile dell’ermeneutica della continuità si è trasformato in qualcosa di sempre meno cattolico. Invece di essere usato per porre il Vaticano II nella giusta prospettiva storica, lo ha trasformato nel vero e proprio “super concilio” che l’ermeneutica intendeva impedire. Più precisamente, è diventato un bastone da randellare a chiunque osi criticare il Concilio stesso.

Ad esempio, se un cattolico suggerisce che forse alcuni passaggi del Vaticano II sono formulati così male da indurre facilmente le persone all’eresia, la squadra dell’ermeneutica della continuità interviene per difendere il Concilio: “Se viene letto in continuità con l’insegnamento cattolico, allora non può essere inteso ereticamente!”. Forse questo è vero per i teologi, che conoscono tutte le sfumature della dottrina cattolica, ma ciò non significa che la formulazione non sia povera e confusa.

Oppure, se un cattolico facesse notare che il Concilio ha avuto un’enfasi sbilanciata sugli elementi positivi di altre religioni senza notare le loro carenze, la squadra dell’ermeneutica della continuità abbatte quelle critiche, sostenendo che quelle affermazioni devono essere bilanciate con gli insegnamenti precedenti. Ancora una volta, questo va bene per gli intellettuali che conoscono profondamente questa storia, ma il cattolico medio prende chiaramente questa nuova enfasi come un segno che non dovremmo menzionare gli errori delle religioni non cattoliche. In altre parole, è perfettamente legittimo rilevare che il Vaticano II dà una visione sbilanciata.

Eppure il solo pensiero di criticare un concilio fa impallidire i molti cattolici fedeli all’ortodossia. Come può mai essere giusto criticare la massima autorità (a parte il papa) nella Chiesa? Per alleggerire queste preoccupazioni, permettetemi di condividere una citazione di Joseph Ratzinger, colui che in seguito sarebbe diventato Papa Benedetto XVI:

«Non tutti i concili validi nella storia della Chiesa sono stati fruttuosi; in ultima analisi, molti di loro sono stati una perdita di tempo».

Queste parole potrebbero scioccare la sensibilità cattolica; si potrebbe leggere come scritte da un militante anti-cattolico, anziché come parole dette da un futuro papa. Eppure è una valutazione onesta della storia.

I cattolici devono riconoscere che a volte i concili hanno successo, altre volte falliscono. Un malinteso comune tra i cattolici è che lo Spirito Santo guida ogni aspetto dei concili ecumenici; pertanto, tutti i concili hanno “successo”. Questo non è un insegnamento cattolico. Lo Spirito Santo agisce principalmente come un protettore: protegge il deposito della fede assicurando che nessun concilio possa dichiarare definitivamente l’eresia come verità cattolica. È una protezione negativa, non positiva.

Ora, è vero che lo Spirito Santo può guidare un consiglio (e vuole farlo!), ma i padri conciliari hanno la libertà di accettare o rifiutare quella guida, proprio come tutti gli uomini hanno quella libertà in tutte le cose.

All’inizio del XVI secolo, quando la Chiesa aveva un disperato bisogno di riforme, papa Giulio II convocò il Concilio Lateranense V. Purtroppo, il Concilio fallì; le riforme che cercava non hanno preso piede e sette mesi dopo la chiusura del consiglio Martin Lutero ha pubblicato le sue 95 tesi, istigando la riforma protestante. Solo qualche decennio dopo, il Concilio di Trento avviò veramente il processo di riforma. Questo non fece del Laterano V un concilio invalido; era solo un concilio irrilevante (o una “perdita di tempo”, come direbbe Ratzinger).

E se un intero concilio può avere successo o fallire, lo stesso vale per i singoli documenti conciliari: a volte sono utili, altre volte no.

Se ci rifiutiamo di riconoscere che concili legittimi – e documenti conciliari legittimi – possono fallire nella loro missione, ci comportiamo come membri di una setta che imbiancano e riscrivono la storia nel tentativo di ingannare il mondo facendogli credere che la Chiesa non ha mai fatto passi falsi. Concepito, forse, come uno sforzo ben intenzionato per proteggere il buon nome della Chiesa, in verità questo è un attacco alla nostra ragione data da Dio.

I cattolici devono anche riconoscere che tutti i concili sono radicati nei tempi in cui si tengono. Questo non cambia la verità delle affermazioni dogmatiche che proclamano, ma ci consente di interpretare correttamente – e anche in seguito potenzialmente respingere – i loro consigli pratici e la loro visione del mondo contemporaneo quando non sono più rilevanti. Non c’è dubbio che il modo in cui i padri conciliari del Vaticano II hanno visto e interpretato il mondo è stato fortemente influenzato da una visione del mondo degli anni ‘60 (per lo più occidentale). Ad esempio, col senno di poi, gran parte del Concilio sembra eccessivamente ottimista sul progresso dell’umanità, in particolare alla luce di quanto il mondo, da quel momento, sia diventato sempre più nichilista, portando avanti la cultura della morte e dell’inganno.

Inoltre, il “tono” di un concilio dipende solitamente dal suo ambiente contemporaneo. Gli argomenti che un concilio sottolinea – o ignora – riflettono una certa visione del mondo, che potrebbe non essere più appropriata per le generazioni future. Come ho accennato in precedenza, il Vaticano II si è concentrato sugli elementi positivi delle altre religioni, senza mai menzionare i loro errori. Questa decisione era forse comprensibile, dal momento che il Concilio si è svolto dopo un orribile Olocausto di un popolo di un’unica religione. Nel mondo di oggi, tuttavia, quando la maggior parte delle persone, compresa la maggior parte dei cattolici, è religiosamente indifferente, la necessità di distinguere tra le religioni è di fondamentale importanza.

Allora, come dovrebbero comportarsi i cattolici col Vaticano II? Primo, per essere chiari, questo non è un invito a “rigettare” il Vaticano II, né a dichiararlo eretico. È un invito a smetterla di essere ammanettati a quel Concilio, ad andare oltre. Troppo spesso abbiamo avuto dibattiti binari sul Vaticano II: o lo si segue passivamente (o, più precisamente, seguire passivamente una specifica interpretazione), o lo si respinge completamente. Dobbiamo mettere il Vaticano II nella giusta prospettiva – sia nel bene che nel male – e terminare di vedere ogni problema attraverso la lente del Vaticano II. Forse il Concilio non ha la risposta ai nostri problemi, oppure la sua soluzione non è la risposta giusta per oggi.

Sia i cattolici liberali che quelli conservatori hanno fatto del Vaticano II la ragion d’essere del cattolicesimo moderno, la lente attraverso la quale si vede l’intera Fede. Tutto ciò ha trasformato il Concilio in un albatro, incatenando i cattolici a idee e pratiche fallite e obsolete.

I cattolici non hanno bisogno di essere membri di una setta, che cercano disperatamente di salvare la faccia difendendo ogni minimo dettaglio del Vaticano II. Possiamo ammettere che alcuni concili del passato, nonostante le buone intenzioni, non hanno funzionato come sperato – o i cui consigli pastorali e la cui visione del mondo non si applicano più a noi.

Di fronte ai problemi di oggi (apparentemente innumerevoli), dovremmo concentrarci su quelle cose della nostra Tradizione che hanno funzionato e riabbracciarle, per il bene della Chiesa e per la salvezza delle anime.

(fonte: crisismagazine.com)

I commenti sono chiusi.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: