Il Concilio Vaticano II è stato manipolato a sufficienza

Dove sono gli anticonciliaristi di cui si lamenta il Papa?

di Don Jorge Gonzalez Guadalix* (17-06-2022)

Il problema sembra essere questo. Ciò che sta accadendo in questa nostra Chiesa è che sembra che alcuni settori non ammettano ancora il Concilio Vaticano II. Ecco cosa ha detto Papa Francesco qualche giorno fa: “Il problema è proprio questo: che in alcuni contesti il Concilio non è stato ancora accettato”.

Questo è vero, anche se temo che i colpi vengano sparati consapevolmente nella direzione sbagliata.

Spiego la liturgia online ogni giovedì alle 20:30 sul mio account personale di Facebook. I video rimangono sul sito web di San José de la Sierra. Volevo essere onesto e farlo direttamente con i documenti della Chiesa. Abbiamo iniziato leggendo e spiegando lentamente la “Sacrosanctum comcilium”, seguita dall'”Istruzione generale del Messale Romano” e ora siamo alla “Redemptionis sacramentum”.

I miei ascoltatori e le mie ascoltatrici si fanno il segno della croce, perché leggendo tutti i documenti, invece di appellarsi allo spirito del Concilio, si sono resi conto che il concilio non è quello che ci hanno venduto, ma il contrario.

Ieri, ad esempio, stavamo studiando i numeri da 80 a 107 della Redemptionis sacramentum dedicati alla Santa Cena. Leggiamo cose come questa:

  • chi è consapevole di un peccato grave non deve celebrare la Messa o ricevere il Corpo del Signore senza essersi prima confessato sacramentalmente,
  • I ministri cattolici amministrano lecitamente i sacramenti solo ai fedeli cattolici, che allo stesso modo li ricevono lecitamente solo da ministri cattolici.
  • i fedeli ricevono la comunione in ginocchio o in piedi, come stabilito dalla Conferenza episcopale.

Se lo spieghi, le persone fanno domande. Ad esempio, come è possibile che in Germania la comunione venga data ai protestanti?

Oppure vi dicono che se il Concilio nella Sacrosantum concilium afferma che nessuno può cambiare nulla nella liturgia, come è possibile trovare quello che trovate voi.

Quello che dice la mia gente, quelli che mi ascoltano e mi leggono, è che la cosa più anticonciliare è celebrare come si vuole, predicare come si vuole. Perché hanno imparato che essere pienamente conciliari significa pregare in latino, usare i paramenti prescritti, vivere la liturgia rispettando le norme della Chiesa e predicare e scrivere sotto la vigilanza del magistero.

Naturalmente, ci sono persone che non accettano il Concilio Vaticano II. Cercateli tra i creatori di liturgie alternative, tra coloro che benedicono pubblicamente le coppie gay in rapporti fisici, tra gli abolizionisti del sesto comandamento, tra i giustificatori dell’aborto, tra coloro che impartiscono assoluzioni collettive o negano apertamente la necessità del sacramento della riconciliazione, tra coloro che chiedono il sacerdozio delle donne o mettono cartelli politici nelle loro chiese parrocchiali.

Ma, naturalmente, questi sono quelli toccati dallo spirito del Concilio.

E permettetemi di fare l’ultimo punto, perché il Papa ha tolto ai vescovi l’autorità finale sull’approvazione di nuove associazioni pubbliche di fedeli. E il Concilio, nella Lumen gentium 27, afferma: “I Vescovi, come vicari e legati di Cristo, governano le Chiese particolari loro affidate” e “ad essi è pienamente affidato l’ufficio pastorale, cioè la cura abituale e quotidiana delle loro pecorelle, e non sono da considerarsi come vicari dei Romani Pontefici, poiché esercitano la propria potestà e sono, in verità, i capi dei popoli che governano”. La proibizione del Santo Padre mi sembra molto poco conciliare e per nulla sinodale.

Il Concilio Vaticano II è stato manipolato a sufficienza. L’unica cosa che manca è che obbedire ai decreti conciliari e alle successive istruzioni fa di me un anti-conciliare e un ostacolo allo sviluppo della Chiesa, mentre farli passare attraverso l’arco dei vostri capricci fa di voi un sinodale, un aperto, un difensore dei poveri e un profeta di oggi.

Questo è l’obiettivo. Ma non funziona. E ora basta.

*Parroco di Madrid

(fonte: infocatolica.com; traduzione: messainlatino.it)

I commenti sono chiusi.

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: